Browsing Tag

dap

Yogurt_tricolore
Dolci & Drinks

Break Tricolore

La verità è che i mondiali mi fanno tornare bambina. Mi riportano alle serate estive sotto i gelsomini odorosi. Ai numerosi amici bramosi di vittoria. Alle serate finite a “sistolate” per la felicità di aver passato il turno. Era bello vedere i “grandi” tornare “bambini”: abbracciarsi, tirarsi secchiate d’acqua e non guardare l’orologio. Erano belle le ore piccole nonostante fossi bambina. Bruciavano le lacrime per il rigore sbagliato ed il silenzio era assordante. I mondiali abbracciano dei riti instancabili: si cena a casa, si sta rigorosamente in silenzio e si cucina tricolore. Il volume deve essere”fantozziano” e ci si accalca di fronte alla tv più numerosi possibile. Non importa se non si è mai vista una partita durante il campionato, se si conoscono 3 giocatori in croce e se si sanno quanto bastano le regole del gioco. Il mondiale unisce tutti e non ha bisogno di giustificazioni. Si guarda e basta. Oggi la partita c’è alle 18.00 ed io ho pensato ad uno spuntino tricolore.

Ingredienti:

  • 250 gr di vasetto yogurt bianco
  • 200 gr fragole
  • 20 gr zucchero canna
  • 1 manciata di cereali
  • poco limone
  • cedro caramellato
  • fragola per guarnire

La prima cosa da fare è pulire le fragole e tagliarle a fettine sottili mettendole a macerare con limone e zucchero per almeno 30 minuti. Dopo di che iniziamo a costruire la merenda. Uno strato di fragole ben pressate. Uno strato di cereali misti. Uno strato di yogurt bio bianco e coprite con dei dadini di cedro caramellato. Decorate con una fragola tagliata a metà.

Yogurt_2 copia

uova_pesto
Secondi, Senza categoria, Vegetariano

Uova al Pesto

Mi pungono gli occhi. Ho il trucco addosso di ieri. Ho i capelli sciolti e non mi riconosco. Al lavoro stamani è successo di tutto ma sono sopravvissuta. Ho il cuore che mi batte nel naso e sono tornata a casa non pensando minimamente a te caro Dap. Poi facendo zapping su internet ho trovato un piatto scenografico e colorato come piacciono a me e raccogliendo le ultime forze ho buttato un uovo dentro l’acqua che bolliva e ho aspettato. E mentre raccoglievo le foglie di basilico mi sono dimenticata del tempo che passava e non è venuto un uovo molto “bavoso” come sarebbe stato indicato per la ricetta. Quindi voi contate solo 6 MINUTI e poi toglietelo. Se volete, potete anche mettere le uova in acqua fredda e poi accendere il fuoco e portare l’acqua a ebollizione. In questo caso, però, ricordatevi di far cuocere le uova per un minuto in meno rispetto ai tempi indicati sopra (quindi 7-9 minuti): così facendo si diminuisce il rischio di rottura del guscio.

Igredienti (per 2 persone):

  • 2 uova sode 
  • 2 fette pane tostato
  • 4 cucchiai di basilico 
  • sale
  • pepe
  • basilico per decorare

Per prima cosa mettete l’uovo nell’acqua bollente. Tostate il pane e raccogliete il basilico. Su una fetta di pane adagiate le uova e tagliatele a metà. Coprite col pesto e decorate con le foglie di basilico. Per la ricetta del pesto andate qui:

http://dinnerandpics.com/primi/trofie-al-pesto/

Bellina vero questa ricetta?

vitel_tonne
Carne, Pesce, Secondi

Vitel tonnè

Finalmente arrivano le pesche, il melone e le ciliegie, la panzanella, il riso freddo, il ghiacciolo, la granita ed il mio adoratissimo Vitel Tonnè o Vitello Tonnato. Le mie regole sono: maionese a più non posso, carne senza nervetti tagliata a fette sottili sottili e una manciata di capperi. Non deve essere troppo freddo nè tiepido: fresco e accompagnato da fette di pane casereccio indispensabili per completare il lavoro con la scarpetta finale. Il piatto deve rientrare in cucina lucido e pulito. 

Curiosità: O vitel tonnè o vitel tonnà, contrariamente a quello che molti pensano, non è una ricetta di origine francese, ma bensì Piemontese, soprattutto nei giorni delle feste natalizie. 

Ingredienti (per 4 persone):

Per la carne

  • 800 gr di vitello
  • 1 cipolla
  • 2 carote
  • 2 gambi di sedano
  • 2 spicchi d’aglio
  • un paio di chiodi di garofano (facoltativo)

Per la salsa:

  • 100 gr di tonno sott’olio
  • 100 gr di tonno al naturale
  • 3 acciughe salate
  • capperi
  • 250 gr di maionese
  • 1 cucchiaio di sale

Mettete sul fuoco una pentola d’acqua con la cipolla, la carota, il sedano e il cucchiaio di sale. Portare ad ebollizione. Intanto legare il vitello in modo che possa mantenere una bella forma. Quando raggiungerà il bollore aggiungete il pezzo di carne, che farete cuocere per circa 2 ore. Lasciate raffredare nel brodo.

Preparazione della salsa. Mettete nel frullatore il tonno sgocciolato, 10 capperi e i tre filetti d’acciuga. Frullate finemente il tutto eventualmente con qualche cucchiaio di brodo o se si preferisce si può aggiungere una carota e un gambo di sedano tolti dal brodo. Unite il composto frullato alla maionese e amalgamate.

Quando la carne sarà fredda tagliatela a fette dello spessore preferito (se si vuole anche con l’affettatrice), spalmate un po’ di salsa sul piatto di portata, disponete le fette e nappate con la salsa.

Otterrete in questo modo anche un’ottimo brodo!

fiori_fritti
Secondi, Vegetariano

Fiori Fritti

E’ la seconda volta che compro i fiori di zucca (zucchina) e questa volta mi sono promessa di non dimenticarmi di loro in frigo. Mentre con un tocco delicato li pulivo e mi facevo aiutare dai tutorial per non combinare disastri ho pensato a quanto sia buffo che mangiamo i fiori di una pianta. Vero è che hanno un sapore buonissimo ed io li adoro ripieni di mozzarella e acciughe come li ho mangiati spesso a Roma o in forno ripieni di carne come mi ha insegnato mia mamma. Ho inoltre scoperto che  i fiori di zucchina sono maschi e femmina: i maschi sono quelli che crescono da soli, in mezzo alla pianta, mentre quelli di sesso femminile crescono attaccati all’inizio della zucchina. Mentre i fiori femmina sono buoni da mangiare in umido quelli maschi, di forma allungata, sono ottimi fritti in padella dopo averli passati in una pastella leggera. Ecco come ho fatto io.

Ingredienti (per 2 persone affamate):

  • 10 fiori
  • olio per friggere
  • 200 ml di birra chiara
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio olio 
  • pizzico sale
  • 125 gr farina

In una ciotola mettete un pochino di farina setacciata, al centro versate due cucchiai di birra, l’olio, i tuorli, aggiungete un pizzico di sale, mescolate senza sbattere incorporando a poco a poco la farina e, sempre mescolando piano, unite la restante birra. Coprite e lasciate riposare la pastella in luogo tiepido per circa 2 ore. Quindi con delicatezza incorporate all’impasto 2 albumi montati a neve.Eliminate il pistillo dai fiori di zucca facendo attenzione a lasciare intatto il fiore. Scaldate l’olio e tuffate i fiori dopo averli imbevuti velocemente nella pastella. Salate e servite caldi. 

fiori01