Browsing Tag

crema

crema_cavolfiore_dap
Primi

Crema di Cavolfiore con salsiccia di Bra

Crema di cavolfiore? Perché no! Con la salsiccia ancora meglio. Oramai non ci sono più dubbi: amo prepotentemente le creme, le vellutate, i passati di verdura  e minestroni. Sarà perché sono un modo carino per ingerire la verdura senza accorgersene o sarà perché mi sento particolarmente salutista di fronte alle verdure fumanti. Penso di aver frullato una grande varietà di verdure: dalle patate, ai porri, alla zucca fino al sedano rapa ma il mese di Gennaio, così ricco di cavoli, mi ha suggerito di provare a preparare una crema con il “Cavolfiore”. L’idea non mi stuzzicava molto perché durante la lessatura il cavolfiore emana un odore tremendo di cavolo ed il sapore è al pari dell’odore. Mi sono lasciata convincere dalla ricetta perché indicava di cuocerlo con il latte ed il sapore si sarebbe ammorbidito. Provate con me? Le mie amiche erano contente dell’esperimento ed in più è un piatto light (salsiccia a parte). Continue Reading

crema_piselli
Primi

Vellutata di Piselli

La principessa sul pisello di H. C. Andersen

“C’era una volta un principe che voleva sposare una principessa, ma ella doveva essere una principessa vera, una fanciulla di sangue blu. Perciò se ne andò in giro per il mondo cercando la giovinetta dei suoi sogni. Di fanciulle che affermavano di essere vere principesse egli ne trovò moltissime, ma al momento di sposarsi il principe era assalito da un dubbio: ” Sarà proprio una principessa di sangue blu, oppure no? “. Qualcosa, infatti, nel loro modo o nel loro portamento era poco reale e non convinceva del tutto il principe. Egli quindi non si decideva a sceglierne alcuna e, infine, dopo tanto vagare per il mondo, se ne tornò al suo castello, deluso per non aver trovato ciò che desiderava. Una sera si scatenò un temporale: i lampi si incrociavano, il tuono brontolava, cadeva una pioggia torrenziale: non si era mai vista una bufera così!. Qualcuno bussò alla porta del castello, e il vecchio re si affrettò ad aprire. Era una principessa. Ma come l’avevano ridotta la pioggia e il temporale! L’acqua cadeva a rivoli dai suoi capelli e dai suoi vestiti, e le entrava nelle scarpe, uscendone dalla suola. Tuttavia ella si presentò affermando di essere una vera principessa. “E’ ciò che sapremo presto ” pensò la vecchia regina, e senza dire nulla a nessuno entrò in una camera e mise un pisello nel letto che era in mezzo alla stanza. Quindi prese venti materassi, li stese uno sopra l’altro sul pisello, e vi aggiunse ancora venti piumini. Era quello il letto destinato alla principessa sconosciuta. La principessa venne accompagnata nella camera che le era stata destinata, e si coricò. Ma, per quanto fosse sfinita dalla stanchezza, non riusciva assolutamente ad addormentarsi. Da qualunque parte si girasse, sentiva sempre qualcosa di duro che le dava fastidio. L’indomani mattina, il re la regina e il principe bussarono alla sua porta, le diedero il buon giorno e le chiesero come avesse passato la notte.

– Male! Molto male! – ella rispose – Non ho potuto chiudere occhio! Dio solo sa quello che c’era nel letto! Era qualcosa che mi ha fatto venire la pelle livida. Che supplizio ho dovuto sopportare per tutta la notte! Ho provato a guardare fra le lenzuola. Ma non ho trovato nulla.

Il re, la regina e il giovane principe si diedero uno sguardo d’intesa: dalla risposta della fanciulla essi avevano capito che si trattava di una vera principessa! Ella aveva infatti sentito un pisello attraverso venti materassi e venti piumini. Chi mai, se non una vera principessa, una principessa di sangue blu poteva avere una pelle così delicata e sensibile? Il principe, convinto ormai che si trattava di una giovane di sangue reale, la scelse subito come sposa. Il pisello fu messo nel museo, dove credo si trovi ancora, a meno che qualche persona non lo abbia portato via. Ecco, bambini, vi ho raccontato una storia vera, vera come la bella principessa.”

 

Per la ricetta come ogni venerdì:

http://www.smilingischic.com/smiling-in-the-kitchen-e-la-grana-di-sgranare-i-piselli/

tortamele
Dolci & Drinks

Torta di Mele

Torta di Mele ti amo. Come recitano le T-shirt delle Teen “Una torta di mele è sempre una buona idea”. E’ un’ottima idea perché è un modo per mangiare la frutta e per coccolarsi un pò. Ho incontrato la ragazza di mio fratello e mi ha detto: “Come è buona la torta di mele di Daddy!” Io sono rimasta un pò stupita perché non sapevo che mio fratello sapesse fare le torte, poi di mele. Lui poco amante della frutta alle prese con la pasta frolla e mi è sembrata una scena poco credibile. Poi abbassa gli occhi e aggiunge: “Come spreme le buste lui non c’è nessuno!” Morale: è bravissimo a fare le torte (confezionate) però. 

Ingredienti per una crostata di mele da 24cm:

  • 250 gr di farina
  • 125 gr di zucchero
  • 125 gr di burro
  • 1 tuorlo
  • 1 uovo intero
  • vanillina
  • cucchiaino lievito
  • 1 kg mele Renette molto mature
  • pizzico cannella

Per prima cosa facciamo la classica fontana con la farina. Mettiamo al centro lo zucchero, il burro a pezzetti, l’uovo, la vanillina e la puntina di lievito. Impastiamo velocemente finché non si crea una palla omogenea. Avvolgiamo nella pellicola e lasciare in frigo per 30 minuti.

Nel mentre sbucciare le mele. Dividerle in 4 e liberarle dai residui del torsolo. Tagliate le mele a fette molto sottili. 

Foderare la tortiera con carta da forno imburrata e infarinata. Stendere col matterello la frolla ricavandone un disco. Sistemare la frolla dentro la tortiera lasciando i bordi alti. Disporre le fettine di mele partendo dai bordi esterni andando verso il centro creando una spirale (sovrapponendole). Quando le mele avranno raggiunto i bordi alti della torta cospargetele di zucchero di canna, spolverare di cannella e infornare per 45 minuti a 180°. 

frittella2
Dolci & Drinks

Frittelle con la crema

Ecco le frittelle di carnevale di cui vi avevo anticipato ieri. E’ stato divertente cucinarle sia perchè tu butti il composto in olio bollente e non sai mai quanto cresceranno (ringraziamo il lievito) sia perchè utilizzare la sac a poche è un’esperienza da pasticcere e mi ha fatto ritornare bambina.

Ingredienti (15 frittelle circa):

  • 500 gr farina
  • 4 uova
  • 150 gr zucchero
  • 2 bicchieri latte
  • 1 bustina lievito
  • zucchero a velo
  • 1 scorza di limone grattuggiata
  • cannella, facoltativo
  • olio per friggere

frittella

Lavorate le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema, aggiungete la scorza di limone grattuggiata, un pizzico di sale, la cannella, la farina e il latte. Mescolate bene, quando il composto è omogeneo aggiungete il lievito.Formate delle frittelle con un cucchiaio grande e spingetele con un cucchiaio piccolo e gettatele nell’olio bollente.Quando sono cotte mettetele ad asciugare su di un piatto con carta assorbente

 NB Mettetene poche per volta perché’ crescono molto.

Ingredienti per crema pasticcera:

  • 4 tuorli
  • 40 gr di farina
  • 100 gr di zucchero
  • 400 ml di latte
  • 1 stecca di vaniglia

Fate sobbollire il latte con una stecca di vaniglia. In una terrina,montare i tuorli con lo zucchero incorporare ai tuorli e la farina setacciata. Sollevate la stecca di vaniglia che avete lasciato in infusione nel latte,versare ora il latte a filo nel composto e mescolateTrasferire il composto in un pentolino e cuocere la crema mescolando di continuo per non far creare grumi. Lasciate sobbollire finché la crema non si addensa.Togliete la crema pasticcera dal fuoco, lasciate raffreddare e mescolate di tanto in tanto.