insalata
Secondi, Vegetariano

Insalata mista estiva

Ci sono cose che non mi vanno giù. Ci sono giorni che non ne posso più della routine. Ci sono giorni che cucino come se non ci fosse un domani e altri che mi nutro di una galletta di riso facendo la scarpetta nel Philadelphia direttamente con la testa nel frigorifero. Ci sono giorni che mi sento “crudista”, altri animalista, altri vegetariana, altri ingollo cibo senza pensare alla provenienza e alle lobby che governano. D’estate sono più portata verso il crudismo e d’inverno bollirei anche le ciabatte da gustare di fronte al caminetto. Non so se essere preoccupata per il mio bipolarismo verso la scelta del cibo o essere orgogliosa per non essere una fanatica dell’alimentazione. Denominatore comune di questo preambolo rimane l’appetito costante e la voglia di variare. Oggi mi sento crudista e di buona leva ho pulito tutte le verdure presenti in questa insalata.

Ingredienti:

  • 2 carote
  • 1 costola sedano
  • 5 ravanelli
  • 1 finocchio
  • rucola
  • olio 
  • sale
  • limone

NB  Acquistare la verdura da tagliare e lavare è la scelta migliore per 5 motivi.

Plastica:

il contenitore, che sia vaschetta o sacchetto e’ generalamente di plastica. La plastica contiene BPA, una sostanza tossica che si deposita , in questo caso, sulle verdure .

Lavaggio:

queste verdure sono lavate con l’utilizzo di soluzioni disinfettanti e trattate con anidride solforosa (E220), che aiuta a mantenere un aspetto fresco alle verdure.

Conservanti

E220 e’ un conservante che può causare reazioni allergiche e intolleranze alimentari . Esso favorisce il processo inibitorio delle vitamine B1 e la B12.

Confezionamento:

le verdure imbustate, vengono tagliate e lavate. Se questo processo viene effettuato molto tempo prima di mangiarle, esse perdono in sostanze nutrienti

Conservazione

Le buste utilizzate dall’industria ostacolano la penetrazione dell’ossigeno e la fuoriuscita di anidride carbonica.

La verdura subisce quindi un processo di “invecchiamento precoce” e si accentua il proliferarsi di muffe e microorganismi putrefattivi, dato che l’evaporazione dell’acqua verso l’esterno e’ impedita dalla plastica.

[credits: in modo naturale]

_MG_4791

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply