Dolci & Drinks

Torta Caprese

Torta Caprese. Perché si chiama Caprese? Io penso subito a Pomodoro e Mozzarella ed invece prende il nome da Capri e scopro che è il  dolce tipico al cioccolato dell’isola e delle zone limitrofe. Torta Caprese per disfarsi del cioccolato pasquale. Torta Caprese per ingerire in una fetta le calorie necessarie per una settimana intera. Dolce Caprese per chi ha il robot da cucina e la frusta elettrica. Torta Caprese perché mio fratello ne va pazzo e anche io oggi voglio capirne il motivo. Torta Caprese perché una torta semplice a prova di imbranati. Torta Caprese attenzione alla “prova stecchino”. Torta Caprese non arriverai integra a stasera.

Ingredienti:

  • 250 gr burro a temperatura ambiente
  • 80 gr mandorle spellate
  • 250 gr cioccolato fondente
  • 200 gr zucchero
  •  5 uova
  • zucchero a velo qb

1. Passate le mandorle nel mixer ma non riducetele troppo finemente.

2. Spezzettate il cioccolato fondente e fatelo sciogliere a bagnomaria fino a quando risulterà liscio e senza grumi e lasciatelo intiepidire mescolando di tanto in tanto.

3. Con un robot da cucina o lo sbattitore elettrico sbattete il burro (a temperatura ambiente) con metà dello zucchero e i tuorli delle uova.

4. Aggiungete il cioccolato tiepido al composto.

5. Versate il tutto in una ciotola capiente e aggiungete il trito di mandorle. Mescolate il tutto creando una crema omogenea.

6. Montate a neve gli albumi con lo zucchero rimasto.

7. Aggiungete gli albumi e zucchero al composto aiutandovi con un mestolo di legno. Aggiungete lentamente gli albumi e mescolate con movimenti dal basso verso alto per non smontare le chiare.

8. Imburrate la tortiera di 20-23 cm e versate il composto.

9. Cuocete a 180° per circa un’ora. Coprite con foglio di alluminio se necessario per evitare che si “Bruciacchi” .

10. A cottura ultimata per assicurarvi che la torta sia cotta Con uno stecchino fate un foro nella torta e se sarà asciutto la torta è pronta.

11. Sfornate e fate riposare. Cospargete con zucchero a velo.

 

[Piatto da portata: Seletti]

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply