Browsing Category

Antipasti & Spuntini

torta asparagi
Antipasti & Spuntini

Torta Asparagi e Zucchine

Torta salata asparagi e zucchine per rimanere sul verde. Ho ricevuto il divieto di comprare di nuovo gli asparagi. Forse ho esagerato. Il fatto è con la scusa che sono di stagione per quanto siano “cari” (9 Euro al Kg) ne ho approfittato per cucinarli un giorno si e un giorno si. Sono partita dalle ricette più banali fino a nascondere le punte nell’insalata. Dopo dieci giorni a base di ricette verdi ho terminato la carrellata con la Torta Asparagi e Zucchine. Il procedimento è semplice ma gli ingredienti si prestano a diversi tempi di cottura quindi non buttate tutto nella pentola che bolle e ve ne andate a farvi la doccia. Continue Reading

torta porri
Antipasti & Spuntini

Torta di porri

La torta di porri è stata un’idea geniale. I porri profumano, sono dolci e sono poco calorici. I porri sono una delle verdure più presenti nei campi attualmente in attesa dell’esplosione della primavera. I porri o li ami o li odi. Per quanto mi riguarda li ho odiati a lungo: indigesti e troppo odorosi ma con il tempo ho imparato a domarli. Ho letto da qualche parte che il porro viene chiamato anche la cipolla gentile per il sapore più dolce rispetto alla più “invadente” cipolla. Inoltre sono un’ottima cura contro l’insonnia quindi se fate fatica a prendere sonno fatene indigestione per cena. Continue Reading

Antipasti & Spuntini

Torta salata carote e zucchine

A vederla potresti chiederti. Ma è un dolce? No! E’ una semplice torta salata carote e zucchine o meglio nastri di carote e zucchine. Se avete mal di collo lasciate perdere questa ricetta perché comporre cerchi coi nastri prevede un forte stress per chi soffre di dolori cervicali. Seconda insidia: gli zucchini non sono di stagione quindi per non collassarvi alla cassa (8 Euro al Kg) prendetene 2. Per una tortiera da 24 cm ne bastano 2/3 e la cifra non lievita.  Armatevi di un pelapatate o di una mandolina per preparare i nastri di carote e zucchine e di mani ferme e precisione. Il resto è semplice e l’effetto parla da solo. Almeno per me. Per prima cosa prepariamo la pasta Brisè. Continue Reading

pane
Antipasti & Spuntini

Pane

Avete mai provato a fare il pane fatto in casa? Io si e vi assicuro che non è semplice. Mi sono trovata spesso a chiedermi perché è venuto duro come un sasso, perché si sbriciola, perché non è lievitato. Perché la crosta non è croccante? Dopo uno studio accurato ed una lunga serie di tentativi ho trovato le soluzioni per tutti questi dilemmi. L’impasto non deve essere né troppo molle né troppo duro.  Se l’impasto è troppo duro: aggiungete un pò d’acqua tiepida o un cucchiaino di olio. Se invece è troppo morbido aggiungete lentamente un pochino di farina e impastate fino a quando non otterrete una consistenza morbida ma compatta.  Se il pane non lievita! La farina che scegliete per il pane è fondamentale: la farina consigliata è la Manitoba, un tipo di farina in grado di sopportare la lievitazione senza “collassare”. Far lievitare la farina 00 è difficile: mescolatela alla Manitoba e vedrete impasto gonfiarsi.Per attivare la lievitazione non mettetelo in frigo, ma lasciatelo coperto con un canovaccio in una zona umida e calda della casa. Non esiste lievitazione veloce: ci vogliono almeno tre ore per far lievitare adeguatamente il pane. Come si fa:

  • 500 grammi di farina;
  • 20 grammi di lievito di birra;
  • 10 grammi di sale (un cucchiaino raso)

Versate il lievito di birra e un decilitro di acqua tiepida in una ciotola e scioglietelo per bene; poi unitevi 50 grammi di farina e lo zucchero e impastate il tutto. Coprite con un strofinaccio e fate lievitare in un luogo tiepido (per esempio il forno con la luce accesa o spento dopo averlo fatto funzionare per pochi minuti) per 20 minuti circa. Fate la fontana con la farina rimasta sulla spianatoia, versate al centro 2,5 dl di acqua tiepida e il sale, impastate il tutto; poi unite l’impasto lievitato preparato al punto 1 e lavorate ancora per incorporarlo. Continuate a lavorare l’impasto per il pane fino a quando vedrete apparire delle bollicine sulla superficie (potete anche usare un robot da cucina o una impastatrice per svolgere questa operazione). Deponete l’impasto in una ciotola infarinata, fateci sopra un taglio a croce, spolveratelo di farina, coprite con uno strofinaccio, e fatelo lievitare in un luogo tepido fino a quando non avrà raddoppiato il volume. Riprendete l’impasto, dategli la forma preferita lavorandolo rapidamente, deponetelo su una placca coperta di carta forno e fate ancora lievitare per mezzora. Cuocete il pane nel forno caldo a 250 gradi per circa un’ora, dopo aver messo una ciotola resistente al calore piena d’acqua sul fondo del forno per garantire la giusta umidità durante la cottura. Fate raffreddare la pagnotta in un luogo riparato dalle correnti d’aria e non freddo. [ ricetta tratta da buttalapasta.it]